Anno:
2018
Editore:
De Arbeiderspers, 2013 (NL)
Aufbau Verlag, 2016 (DE)
Deep Vellum, 2016 (US)
Antolog, 2017 (MK)
Nutrimenti, 2018 (IT)
Protea Boekhuis, 2019 (SA)
VBZ, 2019 (CR)
Al Arabi, 2019 (EG)
Lingua:
olandese
italiano
inglese
tedesco
macedone
sudafricano
croato
rumeno
arabo
Acquista:
www.nutrimenti.net
Estratto:
English, translation Michele Hutchison
Deutsch, translation Rainer Kersten
Premi:
Premio Libris, 2014
Premio Tzum, 2014
Premio Inktaap della giuria di giovani, 2015
Grande Premio quinquennale dell'Accademia Reale del Belgio, 2016
Nomine:
Premio AKO, 2013
Premio Guffo d'Oro, 2013
Premio Strega Europeo, 2019

LA SUPERBA
(traduzione di Claudia Cozzi)

La Superba è un romanzo su Genova, non solo perché è ambientato nel presente e passato del centro storico di questa città particolare, per non dire unica, ma anche perché quel vasto labirinto medievale di vicoli – che è casa di nobili, puttane, marinai, travestiti, turisti, topi e personaggi veramente inverosimili ed inverosimilmente veri – è più che un palcoscenico esotico, diventa addirittura protagonista. Diventa metafora di tutti i sogni e le fantasie più diverse che danno speranza e in cui ci si perde, ed essendo un luogo per niente comune, popolato da caratteri realmente improbabili, di uno strano tipo di terra di nessuno tra realtà e finzione dove il sempre farraginoso confine tra vedere ed inventare, sapere e fantasticare, sognare e perdersi diviene sempre meno definibile e magari anche sempre meno rilevante.

In certo modo La Superba è anche un romanzo politico. Esplora il tema della migrazione. L’improbabile protagonista di nome Ilja Leonard Pfeijffer è uno scrittore olandese che si è trasferito dal Nord perseguendo il suo sogno di una vita migliore al Sud. La sua immigrazione di lusso si confronta e implicitamente si scontra con l’emigrazione disperata da sud verso nord. Personaggi come il marocchino Rashid e il senegalese Jiby si trovano per motivi totalmente diversi nella stessa città, con il sogno comparabile di trovarvi una vita migliore, e in modo completamente diverso ma anche simile si perdono come lui in questa fantasia.

Questo tema della migrazione viene anche esplorato nella dimensione storica. In passato come oggi, Genova è sempre stata epicentro di un drammatico movimento verso orizzonti di speranza. È stata uno dei porti principali da cui è partita la grande emigrazione italiana a La Merica nell’Otto e Novecento. Molto prima era stata punto di partenza delle crociate per liberare la Terra Santa dai musulmani, che oggi vengono a vivere nella stessa città che una volta voleva sterminarli e che derattizza i palazzi dove alloggiano senza soldi, permesso di soggiorno o speranza, in undici in un monolocale infestato dai topi, e che li fa tornare nel medioevo. A Porto Antico c’è ancora San Giorgio alle prese con il drago, sotto la sua bandiera bianca con la croce rossa. Genova è sempre rimasta superba come una volta.

Ma la Superba è anche una ragazza, anzi, la ragazza più bella di Genova. È giusto che lavori al Bar degli Specchi. La prima volta che Ilja Leonard Pfeijffer la vede davvero è attraverso gli specchi di quel bar. Durante una storia d’amore breve, intensa, sconvolgente e fatale, lei si trasforma per lui in uno specchio, al punto da non fargli desiderare altro se non diventare lei e diventare anche lui la Superba. Così su un altro livello il romanzo racconta anche la fantasia di conoscere e addirittura diventare la persona amata e la tragica inevitabilità di perdersi in questa fantasia. Tutto ciò è in parte interpretabile come metafora della drammatica impossibilità di diventare parte di una patria nuova o anche di capirla realmente, ma anche come metafora della condizione umana in generale caratterizzata dall’impossibilità di conoscere fino in fondo l’altro. Ma non solo: è anche una vera e propria ricerca della femminilità che finisce male. Molto male. Alla fine il protagonista Ilja Leonard Pfeijffer si trova irreversibilmente perso nella sua fantasia della Superba, al punto che – per la vergogna – decide di distruggere il manoscritto.

 

 

 

:

 


Anno:
De Arbeiderspers, 2013 (NL)
Aufbau Verlag, 2016 (DE)
Deep Vellum, 2016 (US)
Antolog, 2017 (MK)
Nutrimenti, 2018 (IT)
Protea Boekhuis, 2019 (SA)
VBZ, 2019 (CR)
Al Arabi, 2019 (EG)
Editore:
De Arbeiderspers, 2013 (NL)
Aufbau Verlag, 2016 (DE)
Deep Vellum, 2016 (US)
Antolog, 2017 (MK)
Nutrimenti, 2018 (IT)
Protea Boekhuis, 2019 (SA)
VBZ, 2019 (CR)
Al Arabi, 2019 (EG)
Lingua:
olandese
italiano
inglese
tedesco
macedone
sudafricano
croato
rumeno
arabo
Acquista:
www.nutrimenti.net/libro/la-superba/
Estratto:
English, translation Michele Hutchison
Deutsch, translation Rainer Kersten

“Una narrazione ondivaga che intreccia reportage, racconto tout court, notazioni storiche e invenzione letteraria, un libro di forte impatto espressivo.” – Corriere della Sera

“Autofiction picaresca, narrativa di viaggio, denuncia sociale ai tempi dei ‘porti chiusi’: nella Superba convivono molti generi e anime letterarie, persino il romanzo nel romanzo e la deriva giudiziario-kafkiana. La lettura è impegnativa […], ma la forza e la profondità della scrittura e il coraggio dell’autore nel mettersi letteralmente a nudo ripagano ampiamente lo sforzo.” — Il Sole 24 Ore

“Un libro lirico, drammatico, ironico, grottesco che racconta il centro storico e le sue mille anime come forse nessun autore genovese ha mai saputo fare.” — Il Secolo XIX

“Picaresco, cronachistico, poetico e pulp. Da leggere, subito.” — Magialibri

“L’effetto è quello di trovarsi di fronte a un fluviale, rutilante racconto-verità sull’estraneità e lo sradicamento strutturato e gestito con maestria da uno scrittore-poeta che ha saputo muoversi con eleganza su quel filo sottile dell’intelligenza creativa per il quale il verosimile e l’inverosimile riescono a sembrare anche più veri del vero.” — Massimo Morasso in Genova Impresa 5, 2018, pp. 74/5.

“La Genova di Pfeijffer è una città di illusioni, sogni e fantasmi, dove l’amore è una versione oscura delle Notti bianche di Dostoevskij. […] In realtà la protagonista del libro, con il suo ventre gravido di storie che oscillano tra il lirico e il grottesco, è Genova stessa.” — Il Sole 24 Ore

“È un romanzo da regalarsi o regalare a chi è abituato a leggere e non si scompone di fronte a una narrazione su più piani, in cui la realtà interseca il nebuloso mondo della fantasia.” — la rivista nautica Il Gommone.

“Se Italo Calvino decidesse di rendere visibile una delle sua città invisibili, il risultato assomiglierebbe alla Genova di Pfeijffer: radicata nel mondo reale di Europa nell’epoca della migrazione di massa, ma abbastanza astratta e mitica per permettere a viaggiatori leggendari genovesi come Colombo e gli Ostrogoti, di trovare ancora la loro strada nel suo labirinto di vicoli.” — Benjamin Moser.

 “Abbondantemente ricco di pensiero provocatorio.” — Anna Patterson, World Literature Today

“Arguto in tutte le sue parti, e ben scritto. Un’ode all’immaginazione.” — NRC Handelsblad

“Leggere la prosa edonistica e benefica di Pfeijffer è come banchettare con le parole.” — Vrij Nederland


Anno:
Editore:
Lingua:
Acquista:

Peachez nominato per il premio Libris 2018

Peachez, een romance is samen met vijf andere boeken genomineerd voor de Libris Literatuurprijs 2018. Ilja Pfeijffer won de prijs al eerder in 2014 voor La Superba. De uitreiking is op 7 mei.

:

 


Anno:
Editore:
Lingua:
Acquista:
Estratto:

    Anno:
    Editore:
    Lingua:
    Acquista:

    Headline #4 – La Superba

    Era l’ora candida dopo pranzo, la pagina bianca dove si scarabocchia con la matita qualcosa di cifrato, da cancellare subito non appena le serrande vengono tirate sù e la vita ricomincia nero su bianco con scontrini, commissioni e reclami.

    :

     


    Anno:
    Editore:
    Lingua:
    Acquista:
    Estratto:

      Anno:
      Editore:
      Lingua:
      Acquista:

      Adattamento teatrale di ‘Lettere da Genova’

      Theatre Group Maastricht has made a stage adaptation of Ilja’s autobiographical work ‘Letters from Genoa’. Actors Servé Hermans and Michel Sluysmans will be accompanied by soprano Lies Verholle, who sings aria’s by Monteverdi, Puccini and Arditi.

      :

       


      Anno:
      Editore:
      Lingua:
      Acquista:
      Estratto:

        Anno:
        2017
        Editore:
        De Arbeiderspers
        Lingua:
        Dutch
        Acquista:
        www.singeluitgeverijen.nl
        Estratto:
        English, translation
        Michele Hutchinson
        Nomine:
        Premio Libris, 2018

        PEACHEZ
        UNA STORIA D'AMORE

        Per Peachez, una storia d’amore, Ilja Leonard Pfeijffer si è basato su una storia vera: quella di un professore americano che intrattiene una relazione epistolare con una fotomodella conosciuta in internet di cui si innamora perdutamente. Diventa un amore che gli cambia la vita. Che tutto sembra alla fine basato su una fantasia, ci pone la domanda scomoda in quanto qualsiasi relazione sia totalmente radicata nella verità.

        Peachez, una storia d’amore, si tratta del fenomeno moderno di catfishing e del tema eterno della ricerca della felicità nell’amore, che è visto come un atto di fede, come la fede è un atto di amore. È un romanzo filosofico che si legge come un giallo.

         

        :

         


        Anno:
        De Arbeiderspers
        Editore:
        De Arbeiderspers
        Lingua:
        Dutch
        Acquista:
        http://www.singeluitgeverijen.nl/de-arbeiderspers/boek/peachez-een-romance/
        Estratto:
        English, translation
        Michele Hutchinson

        Il libro più romantico dell’anno.
        – de Volkskrant ★★★★

        La verità è spesso più strana di ciò che ti puoi immaginare.
        – Elsevier ★★★★

        Pfeijffer srotola un intero registro armonico di frasi eleganti da fisarmonica.
        – De Standaard ★★★★

        Lo scrittore fa vedere in passi virtuosi come ogni essere umano vuole trasformare l’amore in una storia.
        – HP/De Tijd

        Una variante ingegnosa ed umoristica della storia di Pigmalione.
        – De Groene Amsterdammer

        Pfeijffer si scatena verbalmente nella sua storia d’amore.
        – De Telegraaf

        Mi ha fatto accelerare i battiti del cuore.
        Manda Heddema, – DWDD

        Uno degli scrittori migliori di questo momento.
        – Trouw


          Anno:
          2015
          Editore:
          De Arbeiderspers
          Lingua:
          olandese
          Acquista:
          www.singeluitgeverijen.nl
          Estratto:
          Idylle #1 [Dutch Audio] read by Ilja
          Idylle #26 [NL/EN] translation Michele Hutchison
          Premi:
          Premio VSB, 2016
          Premio Jan Campert, 2016
          Premio Awater, 2016
          Premio E. du Perron, 2016

          IDILLI
          POESIA NUOVA

          “Invase la poesia come Genghis Khan. I suoi versi brucianti schiacciarono i sudditi tremanti d’ansia. E poi tacque. Per sette anni meditò sul mondo e le parole. Ed adesso ci sono gli Idilli: un maroso di domande salmastre e conclusioni corvine che cresce come il mare di notte, mentre i gozzi abbandonati scricchiolano nel porto e le reti dei pescatori piangono. Nella forma classica dei versi alessandrini, che vengono e vanno come le onde sulla battigia, sono risucchiate sempre più certezze. Tra poco sarà inverno. Probabilmente questi sono gli ultimi idilli che leggeremo.

          Dopo anni di silenzio Ilja Leonard Pfeijffer è tornato come poeta con un libro molto atteso, pluripremiato, che è diventato subito un classici della letteratura olandese.”

          Con Idilli, il poeta e romanziere acclamato dalla critica Ilja Leonard Pfeijffer tenta di raggiungere un terreno più alto. Questo grande volume di poesia lascia le forme più sperimentali che Pfeijffer ha esplorato nel passato; il libro consiste di 50 lunghi canti in alessandrini tonanti.

          ‘Pfeijffer fonde tutto il suo potere poetico, desiderio e padronanza in Idilli‘, afferma il rapporto della giuria del Premio VSB di 2016. ‘Questi sfoghi poetici formano l’elegia di un poeta in lutto per la rovina della poesia e del mondo. Con una grande quantità di spavalderia, che si alterna sorprendentemente con momenti di grande saggezza emotiva, Pfeijffer elabora le sue opinioni sulla società e l’arte di scrivere poesie. Questo libro è pieno di scoperte allegre, pensieri profondi ed estremamente banali, allusioni elaborate alla tradizione poetica, metafore frizzanti e un punto di vista poetico veramente eccentrico. Queste poesie cantano, scricchioliano, confabulano, desiderano ed sono permeate dal sogno inarrestabile del poeta.

          In tutto questo libro borbottante e lirico, Pfeijffer medita su domande più grandi. Questi Idilli sono principalmente un addio all’idilliaco, pienamente consapevoli della finitezza e transitorietà:” E quello che ho scritto o detto, è soavemente cancellato dalle onde del mare. Ed al fine mormora il mormorio del mare.”

          :

           


          Anno:
          De Arbeiderspers
          Editore:
          De Arbeiderspers
          Lingua:
          olandese
          Acquista:
          www.singeluitgeverijen.nl/de-arbeiderspers/boek/idyllen/
          Estratto:
          Idylle #1 [Dutch Audio] read by Ilja
          Idylle #26 [NL/EN] translation Michele Hutchison